L’ alimentazione vegana è di grande aiuto contro i tumori. La nutrizione vegetale è utile per affrontare innumerevoli problemi di salute, dai più blandi ai più importanti. Questa non è un’ opinione personale bensì un dato di fatto documentato al servizio andato in onda alla trasmissione televisiva “Le Iene“. E’ stata riportata l’ esperienza di Antonio guarito dal tumore sotto la supervisione della dottoressa Michele De Pretis. Se tutto ciò ti lascia perplesso sappi che non c’è da stupirsi per tutto ciò. D’ altra parte la potenza di madrenatura è superiore alla potenza della mano dell’ uomo. Ma vediamo i fatti più da vicino.

 

Benefici alimentazione vegana contro i tumori
Mangiare frutta e verdura significa nutrirsi di medicine

 

 

 

E-book Gratuito Passo a Veg

 

 

LA VITA DI ANTONIO VUOLE VOLARE VIA

La vita di Antonio è appesa ad un filo. Con una metastasi al cervello e con ben due tumori al tumore c’è poco da sperare. Negli ultimi 8 anni della sua vita, Antonio ha affrontato innumerevoli cicli di chemioterapia e radioterapia nonchè due operazioni. Il risultato di questa Odissea ? Mentre dal 2003 la terapia ha provocato enorme dolore al paziente, il  tumore non ha lanciato segni di ritirata. A ritirarsi invece è il povero Antonio, che ora preferisce lasciarsi andare nella braccia della morte piuttosto che sopportare altre cure convenzionali accompagnate da tanto altro dolore. Ma Antonio ha un figlio. Massimiliano ama suo padre e non vuole perderlo. Attraverso il web, il figlio svolge delle ricerche e scopre l’ alimentazione vegana alcalinizzante e accompagnato anche dal resto della famiglia inizia a seguirla. Una vera rivoluzione per uno che in quanto calabrese DOC si è sempre cibato di alimenti tipici della cultura calabrese come formaggi e insaccati. Dopo tre mesi di regime alimentare vegano qualcosa in Antonio cambia. Antonio è guarito !!! Ma andiamo con ordine.

Guarigione dal tumore con l' alimentazione vegana
Le storie più belle iniziano male e finiscono bene

ANTONIO VUOLE ARRENDERSI

A raccontare questa triste vicenda a lieto fine è l’ inviato Paolo Trincia delle Iene. Stando al racconto di Antonio e della sua famiglia, la guarigione di Antonio è legata al cambio di alimentazione. Che sia vero oppure no i fatti sono proprio questi. Tutto comincia nel 2003 quando ad Antonio viene diagnosticato un tumore al polmone destro. Dopo essere stato sottoposto ad un’ intervento chirurgico, Antonio è stato bene per più di 3 anni fino a quando gli è stato diagnosticato un nuovo tumore al polmone sinistro. In questo caso il tumore viene combattutto con un’ altro intervento chirurgico integrato ad un ciclo di chemioterapia. Nel 2011 ad Antonio viene diagnosticato un’ ennesimo tumore. Nello specifico una metastasi al cervello. La radioterapia a cui viene sottoposto Antonio riduce la massa tumorale riducendola a 2 cm. Per tentare di neutralizzare la parte rimanente, Antonio dev’ essere sottoposto ad un nuovo ciclo di chemioterapia ma oramai Antonio ne ha abbastanza. Troppo dolore ha dovuto sopportare e ora non può più sopportare altro. 

 

Arrendersi alla malattia e al tumore
Quando il peso è diventato insostenibile, Antonio ha pensato di arrendersi

 

LA SPERANZA E’ L’ ULTIMA A MORIRE

Antonio si arrende ma non il figlio che attraverso delle ricerche sul web scopre il libro The China Study scritto dal dottor Collin Campbell. Dalle informazioni apprese dal figlio Massimiliano, si ipotizza che il tumore del padre possa essere legato al consumo di proteine animali. Nonostante un’ iniziale scetticismo da parte di Antonio, alla fine incoraggiato dalla famiglia viene intrapreso questo cambio di regime alimentare. La famiglia del paziente viene supportata dalla dottoressa Michela de Pretis, medico chirurgo esperta in oncologia e alimentazione vegetale nonchè fervente vegana e membro dell’ Associazione Vegetariana Italiana. Antonio dice addio ai piatti onnivori tipici della sua terra e impara a prepare antipasti, primi, secondi e dolci 100% vegetali. Oltre ad estratti a base di frutta e verdura, Antonio fà largo uso di semi, spezie e acqua alcalina. Riguardo alla strada intrapresa da Antonio, la dottoressa De Pretis intervistata ai microfoni dalla Iena Paolo Trincia, racconta che “oramai è evidente che gli alimenti animali nonchè i cibi raffinati infiammano l’ organismo. Per invertire questa tendenza e massimizzare la probabilità di guarigione nel malato oncologico è necessario incentrare la propria alimentazione sul maggior quantitativo possibile di alimenti vegetali“. E’ fu cosi che Antonio iniziò a consumare un grande quantitativo di estratti di verdure dal colore verde a foglia larga da bere in maniera dilazionata nel corso della giornata.

 

Estratti di frutta e verdura foglie verdi
L’ alimentazione vegetale è il primo passo ideale per affrontare nel migliore dei modi un problema di salute anche grave

VEDIAMO UN PO I RISULTATI …

I risultati di questo cambio di alimentazione non tardarono ad arrivare e gli esiti furono sorprendenti. Antonio dopo solo 2 mesi di veganesimo perse ben 18 chili. La sua sensazione di benessere aumentò vertiginosamente ed in maniera tangibile. Questo suo miglioramento viene confermato 3 mesi dopo l’ inizio di questo nuovo modo di alimentarsi. A seguito dei controlli effettuati il tumore è scomparso completamente. Antonio è convinto che la sua guarigione si legata esclusivamente al veganesimo. Questa vittoria nei confronti della malattia ha entusiasmato tutta la famiglia che proprio come Antonio ha scelto di alimentarsi a tempo indefinito di soli alimenti vegetali. Tutti in famiglia sono convinti che mangiare vegano comporta dei benefici completi e che questi benefici vanno ben oltre la salute. Infatti mangiare vegano comporta anche un grande beneficio in termini di gusto come può confermare “la Iena” Paolo Trincia ospite d’ eccezione al tavolo della neovegana famiglia Diaco. L’ inviato rimane sbalordito dinnanzi alla bontà degli spaghetti di zucchine crude con pesto di avocado, basilico e pinoli. Stesso discorso vale per il secondo composto da zucca al forno e involtini di verze. Per concludere in bellezza non può mancare una gustosissima torta alla frutta.

Spaghetti di zucchine crude e pesto di avocado
Gli spaghetti di zucchine con pesto di avocado sono un primo piatto della salute

 

FAVOREVOLI E CONTRARI

Non tutti approvano l’ alimentazione vegana come cura anti-tumorale. Tra questi vi è l’ oncologa dell’ ospedale che attribuisce il merito della guarigione alla radioterapia. Ella afferma che Antonio “aveva una vasta area tumorale che si è ritirata fino a scomparire del tutto. Se non fosse stato per la radioterapia la lesione tumorale sarebbe ancora presente. Non ci sono prove valide a sostegno dell’ alimentazione vegana e nella medicina la statistica è importante“. La dottoressa De Pretis dibatte affermando che “l’ alimentazione vegetale è utile contro innumerevoli malattie. E’ opportuno valutare la gravità del problema e l’ eventuale concomitanza di altre patologie. Tuttavia è certo che l’ alimentazione vegana è un tassello fondamentale se si desidera affrontare il problema nel migliore dei modi. Tra le tante patologie che possono essere affrontate con successo adottando un regime alimentare vegetale troviamo le allergie, le malattie dermatologiche, il diabete (in particolare quello di tipo 2), patologie infiammatorie a carico dell’ intestino, calcolosi, eccesso di colesterolo, malattie autoimmuni e patologie tumorali a carico del colon, della prostata e della mammella. Non si dà molto valore alle proprietà dell’ alimentazione vegetale semplicemente perchè alle industrie farmaceutiche e a quelle alimentari non conviene insegnarci a non ammalarci“.

Ma guarda tu stesso il servizio andato in onda su Italia 1

 

 

 

CONCLUSIONE

Tutto è bene quel che finisce bene dice un detto. Possiamo rallegrarci pure noi per la vittoria di Antonio che a suon di frutta e verdura è riuscito a combattere il suo male. Che dire invece delle milioni di persone che attraverso l’ alimentazione e lo stile di vita errato continuano ad acidificare il proprio organismo rendendolo un terreno fertile per la nascita delle malattie ? L’ alimentazione vegetale è un rimedio molto potente e può anche curare il problema. Ma ammalarsi per poi curare è davvero la scelta più intelligente ? Non è mica vero che prevenire è meglio che curare ?

 

E-book Gratuito Passo a Veg

 

 

Il blog sul fungo orientale Ganoderma che aiuta a perdere peso

In questo blog troverai le informazioni e le testimonianze dei consumatori di Ganoderma


    8 replies to "Alimentazione vegana e tumori"

    • Elena

      Ricordo questo servizio che ha portato finalmente queste informazioni al grande pubblico. la dottoressa poi è una professionista straordinaria.

      • Luca Catanoso

        Proprio cosi. Ricordiamo che la dottoressa De Pretis è stata licenziata dopo le sue dichiarazioni “Sovversive”. Fortunatamente la verità e l’ onesta premia sempre e molti malati si sono interessati all’ alimentazione vegana per combattere problemi anche importanti.

    • Valentina Tati vegan

      Incredibili i risultati ottenuti da quest’uomo! Sono sempre più convinta e orgogliosa della mia scelta di diventare vegana.
      Sempre più persone stanno aprendo gli occhi! Chi per etica , chi per la propria salute… ma l’aria sta cambiando!

      • Luca Catanoso

        Si poi il bello è che la sua esperienza ha rivoluzionato in meglio anche la vita di altre persone

    • Torello Lotti

      Torello Lotti Dermatologo
      Professore Ordinario di Ruolo

      INFORMAZIONI FALSE , FIGLIE DEL PREGIUDIZIO
      LEGGETE LO STUDIO P.U.R.E. pubblicato su The Lacet 5 mesi fa.

      • Luca Catanoso

        Ciao Torello. Ci sono tanti esponenti autorevoli che sostengono pensieri opposti. Ricordo il professor Veronesi (pace all’ anima sua), che sosteneva l’ alimentazione vegetariana e nel contempo in TV c’era il professor Calabrese che affermava l’ importanza di mangiare onnivoro.

    • Franco Fontana

      Che il cibo sia di natura vegana, vegetariana o onnivora, cambia poco nei confronti del problema principale che sta alla base della vita dell’uomo: la MORTE, da cui derivano tutti gli altri. Sembra che l’unica soluzione plausibile e ragionevole sia la fede nella risurrezione di Cristo per non vivere nell’assurdo!

      • Luca

        Si speriamo che esista davvero un mondo in cui poter continuare a vivere. Al momento l’ unica certezza che abbiamo è questa vita e poterla vivere in buona salute è una delle cose più importanti.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.